IL RACCONTO DEL VINCITORE DEL NOSTRO PRIMO CONTEST!

di Antonino Jonathan Luzzi

Si può? È permesso?

Io credo di essermi perso. Mi puoi aiutare?

Vuoi che ti racconti cosa mi è successo?

Vediamo, da dove posso cominciare… Ricordo che eravamo insieme, giusto un attimo prima che svanisse.

Beh, era di una grande simpatia e di un’immensa generosità. 

Tutti la apprezzavano. La sua voce sempre serena, il suo sorriso sempre luminoso. 

Sapevamo che prima o poi sarebbe successo, ma non sapevamo quando. Io non sapevo quando.

Tutti hanno qualcuno a cui tengono tanto tanto. E in molti poi si ritrovano.

Ma io non ci sto riuscendo. Non capisco il perché.

Forse è perché sono da sempre un po’ sbadato. 

Nel mio mondo, tutti aspettano il proprio turno. Il proprio turno per cosa? Beh il proprio turno per essere raccontati.

Raccontati da altri, certo, perché noi da soli non potremmo. Ma il legame che c’era tra noi era così forte, ma così forte, che io ho trovato la mia voce… E ne ero contentissimo!

Ora però ho paura che la mia voce svanisca, se non trovo più lei. La persona per la quale sono stato scritto.

Io sono sicuro che sia qui da qualche parte.

Mi sa che ora che vada, devo sbrigarmi o non farò in tempo. 

Allora ci vediamo. Grazie per avermi ascoltato.


Che strano, non riesco ad andare via. È come se io e te fossimo legati, e io non potessi separarmi da te.

Ehi aspetta ma… non è che forse sei tu la mia custode?

Il custode per il quale ognuno di noi nel mio mondo è composto, la persona da accompagnare nella vita, una volta che viene al mondo. 

Ecco, allora ti ho ritrovata! Quanto mi sei mancata! Mi presento, io sono il tuo racconto.

Forse tu non ti ricordi di me, ma io mi ricordo di te.

Per il momento questa è la mia voce. Ma posso avere tante altre voci, tante quante sono le persone che ti amano e ti vogliono bene. E tu mi sentirai parlare attraverso di loro ogni volta che vorrai.

Eccomi, sono io. Il racconto di Emma. 

Ascolta qui la registrazione!

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *