La letteratura fantasy, dai suoi albori sino ad oggi, ha affascinato milioni di lettori, molti dei quali sono dei veri cultori del genere. La fortuna del fantasy ha fatto sì che questo genere influenzasse altri media, come il fumetto, la cinematografia, i videogiochi e i giochi di ruolo (basti pensare al famoso Dungeons & Dragons). Genere ben codificato, caratterizzato da trame lunghe e complesse, che si prestano al dispiegarsi in saghe, e da una netta opposizione fra bene e male, il fantasy fonda la propria ontologia sul mondo a cui la fantasia dell’autore dà vita di volta in volta; che sia una terra funestata da presenze maligne, un continente popolato da draghi o un mondo magico che vive parallelamente a quello degli uomini. 

J. R. R. Tolkien, con Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit ,è considerato il padre del fantasy. Il mondo della Terra di Mezzo nasce a partire dall’interesse filologico e linguistico di Tolkien per la letteratura inglese e dal suo desiderio di creare una mitologia anglosassone fittizia. Da questo lavoro di studio e raccolta su antichi miti e fiabe, nascono gli abbozzi delle storie delle creature che popoleranno i suoi romanzi; elfi, hobbit e nani. Questo corpus verrà raccolto dal figlio Christopher nel Silmarillion e sarà la base per Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli. Grande influenza sul Signore degli Anelli ebbe la mitologia finlandese, in particolare il poema epico Kalevala, molti inoltre sono i riferimenti al cristianesimo, come la lotta la fra il bene e il male, il trionfo dell’umiltà sull’orgoglio e il ruolo della grazia divina. Centrali sono anche gli eventi della storia contemporanea allo scrittore, le due guerre mondiali, che vengono riecheggiate dalla guerra del romanzo, evento a tal punto sconvolgente da porre fine ad un’era.

Un’altra celebre saga fantasy sono Le cronache di Narnia di C. S. Lewis. La magica terra di Narnia, con i suoi paesaggi innevati e il fascino delle sue creature, ha conquistato milioni di lettori, anche grazie alla fortuna della serie cinematografica. L’armadio attraverso il quale i quattro fratelli Pavensie evadono dall’Inghilterra martoriata dalla seconda guerra mondiale continua a destare la sua attrattiva sulle generazioni più giovani, che amano sognare a fianco di personaggi intrepidi e valorosi, insieme ai quali poter crescere.

Il celeberrimo Harry Potter è ormai diventato un classico della letteratura per ragazzi. La storia del giovane mago, dove la lotta contro Voldemort segue il percorso di crescita di Harry, unisce letteratura fantasy e romanzo di formazione. All’interno della saga vengono scandagliati temi come quello della morte e dell’amore, che costituiscono le due polarità opposte attorno alle quali ruota la trama. Il magico mondo di Hogwarts fa ormai parte dell’immaginario di milioni di lettori anche grazie all’enorme successo mediatico dei film tratti dalla saga e dall’impatto di fenomeni di costume, come il turismo legato ai luoghi del set cinematografico.   

Altra celebre saga apprezzata dal pubblico più giovane è il Ciclo dell’Eredità, di Christopher Paolini. Il primo romanzo della saga, Eragon, venne scritto da Paolini a soli quindici anni e fu pubblicato grazie all’aiuto dei genitori. Il ritrovamento di un uovo di drago renderà inaspettatamente il giovane Eragon un cavaliere dei draghi, ruolo che lo investirà del compito di salvare il continente di Alagaesia dalle mire del malvagio Galbatorix. Anche in questa serie di romanzi i lettori possono seguire il percorso di crescita e maturazione di Eragon, che si intreccia con le sue avvincenti avventure.   

La saga Le Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R. R. Martin ha ottenuto fama grazie alla fortunatissima serie Tv Il Trono di Spade. Nell’immaginario mondo diviso fra i continenti di Westeros ed Essos, dove molti sono i legami con il Medioevo europeo, si intrecciano faide fra casate nobiliari per la conquista del trono di Westeros, il risveglio di una razza di creature leggendarie che si credevano estinte e la lotta dell’ultima discendente della dinastia regnante di Westeros per riottenere il trono. Personaggi dalla dubbia moralità e temi come la violenza e la sessualità discostano però questa saga dalla tradizionale letteratura fantasy per ragazzi e la rendono più apprezzata da un pubblico adulto.    

Potrebbe interessarti anche: Dal Fumetto Alla Graphic Novel        


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *