Angelica non è in casa. È uscita,” disse Lady Diamantina.
“A che ora torna?”
“Non ha lasciato detto niente. Sono venuti due gentili signori a rapirla. Erano veramente educati, sa? L’hanno legata e imbavagliata, poi l’hanno messa in un bel sacco, poi mi hanno baciato la mano, e uno di loro mi ha detto: Mille scuse, Milady. Ora che ci penso, ecco perché Angelica non ha detto a che ora tornava.”
“Perché?”
“Perché era imbavagliata, naturalmente
.”

Wickson Alieni è l’investigatore perfetto: è talmente normale che nessuno si accorge di lui, perciò il capo della polizia di Londra, che il suo mestiere tanto bene non lo sa fare, gli lascia da risolvere tutti gli incarichi più spinosi: il furto delle nuvole, quello delle aringhe per la colazione, per non parlare del terribile rapimento dell’ora del tè…

Wickson cammina per le strade di Londra ma nessuno lo vede, e quando entra da una porta tutto ciò di cui la gente si accorge è un vago fastidio di corrente sul collo; è così che il nostro eroe riesce a intrufolarsi nelle riunioni segrete dei due criminali più temibili d’Inghilterra, Milton Bobbit e Roger T.L.L., e a sventarne gli efferati crimini.
Certo non è da solo nelle sue avventure: lo accompagnano il topo Geltrudetto, la sua padrona, signora Gialtruda, l’amico Lin Plin Plo, che arriva di corsa dalla Cina quando gli viene promessa una buona dose di risotto alla zucca, e altri strambi personaggi che portano il segno di tutte le assurdità che si dicono sul conto degli inglesi – e sui tipi umani in generale.

Con questo trittico di racconti, vincitore dello Strega Ragazzi e Ragazze 2019 ed edito per Bompiani, Luca Doninelli ci porta in un mondo in cui tutto va al contrario e quando tutto va al contrario basta una macchina che si alimenta a storie per farlo tornare al rovescio; come in ogni storia per bambini che si rispetti tutto è al suo posto, ma traslato un po’, come direbbe lo stesso Doninelli, più a destra: il mondo dei bambini è lo stesso che gli adulti condividono, eppure dietro la superficie della normalità scorrono storie e personaggi che non si vedono e che pure lo animano di quella vita speciale che solo alcune penne sanno restituire così bene.
Grazie all’uso di un’ironia squisita e la capacità di dosare l’assurdo e il paradosso, Doninelli si mette nel solco della migliore letteratura per l’infanzia, quella di Gianni Rodari e dei suoi eroi che non cercano di spiegare il mondo ma lo prendono per quello che è, preferendo raccontarlo, con una storia… o magari tre.

Wickson Alieni non si nasconde mai negli armadi che ci sono, ma solo in quelli che non ci sono. Se voi entrate in una stanza e in quella stanza non c’è un armadio, allora potete stare certi che lì c’è Wickson Alieni.”

wickson alieni

Leggi anche la recensione di Prisma


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *