Sei un regista e vuoi mettere in scena la tua opera preferita di Shakespeare. Il primo giorno di prove, una volta radunati tutti gli attori, ti accorgi che la sceneggiatura in tuo possesso è fallata. Superato lo sconcerto iniziale, pensi che quella svolta nella trama non sia poi così male… Presenta la “nuova” sceneggiatura dell’opera in questione, concentrandoti sugli snodi che la rendono differente dall’originale.

In fondo, che cos’è un nome? 
Quella che noi chiamiamo rosa, con qualsiasi altro nome, 
profumerebbe altrettanto dolcemente
William Shakespeare, Romeo e Giulietta, Atto II scena II

Will entra nel teatro e accende le luci. Anche il Regista entra; guarda con tenerezza le poltrone e l’intera sala. Fa una profonda respirazione yoga, si toglie le scarpe e si siede in mezzo al palco. Will porta le sedie. Dopo un po’ entrano gli attori, La Vecchia Gloria, in giacca di pelle bianca, manda bacini al cellulare alla giovane compagna, Attore 1 e Attore 2 fanno a gara a chi arriva primo alla fine del corridoio, ridendo e gridandosi: “Eccoti qua, cazzone!”. Attrice 1 entra con sussiego e non rivolge un saluto ad Attrice 2, che si limita a guardarla male, Attrice 3 arriva trafelata. Attore 3 le sorride. Attore 4 si fa gli affari suoi.

REGISTA Ben trovati, carissimi, ora vediamo di fare l’appello, vediamo se ci siamo tutti e di capire i ruoli. Re Lear? La Vecchia Gloria continua ad amoreggiare al cellulare Re Lear!!

VECCHIA GLORIA Ti saluto ora, tortorella, devo lavorare, eh, sì, purtroppo. Ti amissimo, ciao (Bacio) ciao. (Con tono e postura eroica) Eccomi!

REGISTA (Segna su un foglio) Tony c’è.

ATTRICE 3 (Piano, ad Attrice 2) Ma fa sempre così?

ATTRICE 2 E dovevi sentirlo con la tortorella numero 5!

REGISTA Gòneril o Gonerilla, dobbiamo ancora decidere?

ATTRICE 1 (Gelida) Sì.

REGISTA (C.S.) Géneviéve c’è. Regan o Regana?

ATTRICE 2 Regan, viene dal celtico “colei che causa rovina” e Dame Roxane Twiselton è presente.

ATTRICE 1 (Non abbastanza piano) Purtroppo! (Attrice 2 le si para davanti)

REGISTA (Anticipandola) Cordelia?

ATTRICE 3 S-sì, c-ci sono e scusate per il ritardo!

REGISTA (C.S.) Cora Queens c’è. Edgard?

ATTORE 1 Presente, prof!

REGISTA Eddy Dickhead c’è. Edmund?

ATTORE 2 Prof, presente! (Ride e si dà il 5 con Attore 1)

REGISTA (Ignorandolo) Ned Flanders c’è. Matto? 

ATTORE 3 (Inciampa e fa una capriola) Ci sono.

REGISTA Felipe De Vega c’è. Conte di Gloucester?

ATTORE 4 Sì.

REGISTA Jim Hills c’è. Direi che possiamo cominciare.

ATTRICE 2 E mio marito, il Duca di Cornovaglia?

ATTRICE 1 E mio marito, il Duca di Albany?

ATTORE 1 Mandategli un vocale su Whattsapp, no? (Ride e si dà il cinque con Attore 2)

REGISTA (Impassibile) Al non può partecipare alla prima prova perché sta girando una pubblicità e Carl è ancora imbottigliato nel traffico.

Bene, questa versione di Re Lear sarà diversa dal solito, più contemporanea, rifletterà su aspetti inediti e poco conosciuti. Will, il copione! (Will lo reca e glielo porge. Il Regista legge ad alta voce)

Epoca Regency. Re Lear ha tre figlie, Goneril, Regan e Corelia, ma è povero e non può permettersi la dote per tutte e tre. Tutto cambia quando la villa più imponente del paese viene acquistata dal benestante Edmund. Ad un ballo organizzato da un vicino Edmund si presenta con un amico, Edgard; Goneril ed Edmund vanno subito d’accordo, mentre Edgard si mostra scontroso, altezzoso e fa una caustica osservazione, guadagnandosi il disprezzo di Regan. Mentre Re Lear fa di tutto per incoraggiare la relazione tra la figlia maggiore e il nuovo vicino, al villaggio arriva un reggimento; tra gli ufficiali si distingue il giovane e affascinante Matto, che conquista Regan anche perché ha motivi di risentimento verso Edgard e nemmeno lui lo sopporta. (Il Regista, sempre più perplesso, si interrompe un attimo)

ATTORI (In coro) E poi?

REGISTA (Prosegue senza molta convinzione) Poco tempo dopo, viene in visita al castello il Conte di Gloucester, che per la legge salica erediterà il regno, nella speranza di sposare una delle tre principesse e legittimarsi come futuro erede al trono. La scelta cade su Regan, ma quando Gloucester le propone il matrimonio, lei lo respinge. 

VECCHIA GLORIA Scusate, ma qui non c’era lotta per il potere, tradimento, disillusione, rapporto disfunzionale tra padri e figli e, soprattutto, a Gloucester non venivano cavati gli occhi? 

ATTORE 4 Ma così è bellissimo: Regan che rifiuta di sposare Gloucester è una modernizzazione dell’accecamento, una metafora contemporanea dell’evirazione del maschio, mi piace, lo faccio!

REGISTA Poco dopo, il Conte trova un’altra moglie e il destino della stirpe di Re Lear pare segnato. Come se non bastasse, Matto riparte con il suo reggimento e anche Edmund ritorna a Londra senza rinnovare l’affitto della villa né essersi fidanzato con Goneril, su consiglio di Edgard. Il Re manda Goneril dagli zii, Regan in visita dai Gloucester e Cordelia da un’amica del reggimento. Regan ha modo di ritrovare Edgard ed esprimergli tutto il suo odio, accusandolo di aver maltrattato Matto e impedito le giuste nozze di sua sorella con Edmund. Il giovane cerca di rimediare, mostrandole i lati migliori del suo carattere e spiegandole che Goneril non gli sembrava interessata all’amico e che Matto in realtà è un fior di mascalzone, attirato solo dal denaro. Proprio quando Regan comincia a cambiare idea su Edgard, giunge la notizia che Cordelia è scappata con Matto. È Edgard a risolvere la situazione, convincendo il bieco libertino a sposare la fanciulla dietro il pagamento del suo brevetto da capitano. Quando Regan lo ringrazia, lui confessa che l’ha fatto per amor suo. 

Edmund torna al castello per rivedere Goneril; pochi giorni dopo chiede la sua mano. Un incontro chiarificatore fa sì che anche Regan ed Edgard si rivelino il reciproco amore e decidano di sposarsi. Le due cerimonie nuziali avvengono poco dopo. Le tre figlie sono sistemate. Re Lear è contento. Ora pensa ai nipotini. Fine.

Attrice 1, Attrice 2 e Attrice 3 sospirano languidamente. Attore 2 si asciuga le lacrime con un fazzoletto

VECCHIA GLORIA (Profondamente commosso) Bellissimo.

ATTORE 1 Una gran figata questo Re Lear!

REGISTA Ovviamente va modificato…

ATTRICE 1 Qui Goneril e Regan sono due sorelle che si vogliono bene! (Sorride ad Attrice 2, che ricambia)

ATTORE 3 Il Matto un soldato, una canaglia affascinante, bugiarda e manipolatrice!

ATTRICE 3 Nessuno muore, l’amore trionfa e c’è il lieto fine! 

VECCHIA GLORIA Ecco i copioni, iniziamo le prove!

Esclamazioni di giubilo ed entusiasmo. Gli attori prendono i copioni e iniziano a leggere. 
Il Regista rimane in disparte. Entra Will a disporre gli oggetti di scena

REGISTA Will, mi spieghi come mai questo dramma si chiama Re Lear ma in realtà è Orgoglio e Pregiudizio?

WILL Capo, sono o non sono l’autore? Posso scrivere la storia che voglio e più colpisce la mia fantasia.

REGISTA (Dopo aver riflettuto) Hai ragione.

Cristina


0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *