È un giorno come un altro. Niente di nuovo nel menu del bar sottocasa. Al lavoro sempre la stessa storia: tutti che interpretano il proprio ruolo alla perfezione e io li seguo a ruota.
Sento che il tempo sta cambiando, uscendo, prendo un cardigan leggero.
Mi incammino, attraverso la strada e varco il cancello.
Occhi bassi, cuffie alle orecchie, andamento deciso.

Cade. Cade e si appoggia a me. Io ne sento il peso ma la sostengo.
Grazie. E se ne va e una parte di me con lei. La seguo con lo sguardo allontanarsi, diventare sempre più piccola fino a scomparire.
Cuore, sei tu? Se sì, batti un colpo.

Kristina


0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *